martedì 8 dicembre 2015

FILOSOFIA GIORDANO BRUNO: L’ARTE DI MANIPOLARE IL DESIDERIO TRA MAGIA E MARKETING

FILOSOFIA
Marco Eggenter 
€ 20,00
Giordano Bruno e il “De Vinculis”, ovvero l’Arte di manipolare il
desiderio. Un testo di Marketing del XVI secolo? cercheremo di
rispondere a questa domanda. 3 incontri: mercoledì 3-10-17
febbraio 2016 desiderio. Un testo di Marketing del XVI secolo?
cercheremo di rispondere a questa domanda.
3 incontri: mercoledì 3-10-17 febbraio 2016

GIORDANO BRUNO:

L’ARTE DI MANIPOLARE IL DESIDERIO

TRA MAGIA E MARKETING


Il coso breve (tre lezioni) che intendo proporre come chiusura di un percorso filosofico che ci ha portato dall’arte della memoria all’Eros come “motore” della prassi magica, vuole essere una disamina veloce del pensiero di Giordano Bruno (doverosa visto che durante i corsi precedenti, per mancanza di tempo, non sono riuscito ad esplicarlo in modo esaustivo), con particolare attenzione ad un testo, il De Vinculis in genere, che appartiene a quegli oscuri scritti la cui importanza nella storia delle idee supera di gran lunga quella delle opere celebri.
Per molto tempo inedito, abbozzato nel 1590 e mai terminato,  il De Vinculis in genere meriterebbe oggi un posto d’onore tra gli innumerevoli e spesso inutili testi di psico-sociologia di massa, i cui autori, pur senza esserne coscienti, hanno messo in pratica idee, analisi e metodi indicati da Bruno in questo strano testo.
Con il De Vinculis in genere, Bruno ci accompagna nel modo dei vincoli, dei vincolati e dei vincolanti che, a ben guardare, è il quotidiano mondo delle relazioni umane rendendoci immediatamente consapevoli del fatto che le relazioni si costruiscono attraverso attrazioni magiche (equilibri di potere direbbe Foucault) e che per conquistare il favore dei singoli o dell’intera comunità è necessario tener conto di tutta la complessità che caratterizza tali relazioni, complessità che riguarda, in special modo, la quantità e la qualità dei desideri che muovono e si muovono nell’anima umana.
Per comprendere e valorizzare l’attualità di questo testo dobbiamo, però, rivolgere la nostra attenzione non tanto ai grandi saggi di filosofia politica quanto alla fin troppo misconosciuta scienza del marketing e della pubblicità che, seppur inconsciamente, ha recepito le problematiche illustrate dal Nolano, mettendo in pratica proprio ciò che Bruno aveva teorizzato nella sua “scienza dei vincoli”. Per tanto, durante il breve corso, tenteremo l’esperimento di leggere il De Vinculis incrociandolo con un interessante manuale di marketing: Fare marketing rimanendo delle brave persone di Giuseppe Morici, nel tentativo di sottolinearne le sorprendenti affinità.




Nessun commento:

Posta un commento